SAM Massagno Basket: Ultimissime: LNA : SAM Basket Massagno - BC Boncourt Red Team 81 - 87 (39 - 41)

Monday, January 10
LNA : SAM Basket Massagno - BC Boncourt Red Team 81 - 87 (39 - 41)

Alle ortiche una ghiotta (ma ghiotta!) occasione!

Iniziamo l'anno con l'amaro in bocca, per una partita giocata (male) e persa (peggio) contro una Squadra nostra diretta avversaria in classifica che anche sabato non ha mostrato nulla che potesse farla considerare imbattibile, anzi!

Convinti (forse un po' troppo) della nostra ottima crescita pre-natalizia che ci aveva portato a convincenti vittorie contro Friborgo e Monthey (oltre che alla sconfitta di misura fuori casa contro Ginevra), i nostri hanno sciupato l'opportunità casalinga per agganciare i giurassiani in classifica.
L'eventuale vittoria nostra (se di 4 punti), e la contemporanea sicura vittoria di Lugano a Basilea, ci avrebbero proiettate al sesto posto in graduatoria, ma tant'é, rimaniamo dove si era, con in più la certezza di doverci sciroppare l'interminabile trasferta a Boncourt in terza fase di stagione regolare.
Harakiri!

Giochiamo male sin dai primi istanti di gioco, con noi però pasticcia pure Boncourt, per questo rimaniamo più o meno avanti di qualche lunghezza nei minuti iniziali del confronto.
Boncourt poi prende fiducia e tiri facili, cala la notte.
Da parte nostra siamo ancora in... Ferie, Balletta a parte il solo Ofoegbu (e a tratti Hawkins, pur se un poco disordinato) é intrattabile e andrà alla pausa con 16 punti e un eloquente 8/8 dal campo.
Per fortuna che c'era lui, altrimenti...
Nonostante una brutta-brutta SAM, si va alla pausa sotto di sole due lunghezze, per la serie "basterebbe poco e ce li mangiamo".

Al rientro dagli spogliatoi non succede però quello che ci si aspetta.
La SAM rimane... la SAM di prima, giochiamo male, ci prendiamo anche un parzialaccio che ci porta sotto, ad un certo punto, addirittura di 16 lunghezze, mica una bella roba...
In più dimentichiamo letteralmente il nostro terminale offensivo migliore, quell'Ofoegbu che nella prima metà gara aveva detto (e dimostrato) che non l'avrebbe mai fermato nessuno, roba da matti.
L'inerzia della gara non da segnale alcuno di possibile riscossa, ma quando non te lo aspetti difendiamo convenientemente (era ora...), mettiamo pressione all'avversario e ci riportiamo sotto fino a soli 3 punti, poi un paio di sciagurate-affrettate scelte d'attacco ci impediscono di costruire la giusta azione per l'aggancio... Pivioni!
Risultato finale... sotto di 6.

L'impossibilità di disporre dei feriti Murati e Magnani ha impedito un quintetto con Farokhmanesh nel ruolo di guardia, così come la settimana passata da Johnson in infermeria causa influenza intestinale ci ha consegnato il nostro Branden sabato in condizioni davvero inadeguate.
Detto questo si poteva certamente fare meglio, visto che se Boncourt ha vinto la sua partita, questa volta Massagno l'ha abbondantemente persa.
Fine del melodramma, guardiamo avanti, si va a Zurigo e si vince il prossimo turno.


I tabellini:

Magnani 2, Faroukmanesh 21, Johnson 5, Roktizky n.e., Balletta 8, Murati 0, Hawkins 20, Fridel 4, Ishiodu n.e., Fässler 4, Rey n.e., Ofoegbu 21.