SAM Massagno Basket: Interviste: 15 domande a: Fabrizio "Bicio" Rezzonico

15 domande a: Fabrizio "Bicio" Rezzonico
Breve presentazione dell’allenatore:
Età: 38 anni                        
Stato civile: coniugato
Figli: - (ma tra poco….)
Professione: capo-contabile
Grado allenatore GS: 4
Principali esperienze: movimento giovanile, LNAM, LNAF, Nazionale Femminile
Ultima esperienza: LNBF Riva Basket
Squadra attuale: LNAF Riva Basket

Le 15 domande:
- Sulla propria squadra:

1. Come stai impostando il lavoro di preparazione per la nuova stagione?
Dopo il lavoro di condizione fisica svolto dal nostro preparatore Marco Conti ho introdotto il lavoro in palestra passando per gradi. Ho lavorato gli schemi d’attacco (5 c 0) ed ora sto iniziando il lavoro tattico sulla difesa. Inoltre lavoriamo nella prima parte dell’allenamento sul ritmo con esercizi vari combinati in situazioni di gioco.

2. Quale sarà il tuo principale obiettivo tecnico?
Far crescere la squadra sotto ogni punto di vista. D’all’ambiente al lavoro tecnico-tattico cercando di fare basket seriamente ma pure divertendosi.

3. Quanti saranno gli impegni per settimana (allenamenti + partite)?
4 (3 allenamenti)

4. Quali sono le tue aspettative per la stagione?
Far crescere il gruppo sapendo di incontrare squadre + forti ed esperte della nostra con un lavoro approfondito in allenamento
In generale: lavorare in un ambiente sereno malgrado le difficoltà che troveremo

5. Il numero ideale di giocatrici per un allenamento?
12

6. Quanto tempo dedichi alla preparazione di un allenamento?
30 minuti

7. Puoi descrivere brevemente un tuo allenamento tipo?
Riscaldamento individuale; esercizi di riscaldamento con pallone di gruppo; situazioni di 1 c 1 e/o 2 c 2 e/o 3 c 3; esercizi di contropiede vari; Pausa; situazioni di gioco 5 c 5 (schemi) s/1/2 campo; mini partite 5 c 5; durata: 90 min.

8. In che modo ti aggiorni nell’attività di allenatore?
Ogni anno vado a Macolin al corso esperti e nel limite del possibile cerco di seguire altre partite del nostro campionato e soprattutto di quello italiano: c’è sempre da imparare!

9. Che importanza e ruolo deve avere il vice allenatore?
Fondamentale. Deve fare da trait-d’union tra squadra ed allenatore e deve essere preparato e sapere di avere un ruolo importante all’interno della squadra.

10. E’ meglio vincere per un canestro in più o per averne subito uno di meno?
E’ meglio vincere. Se la mia squadra lo fa subendo un punto in meno sono + contento in quanto prediligo soprattutto l’equilibrio difensivo ma tant’è se vinciamo per un canestro in + va bene lo stesso…..

11. Più tattica o gioco libero? Perchè?
Dipende dalla categoria dove alleni. La tattica è importante ma non bisogna esagerare soprattutto a livello giovanile. Il giocatore non deve avere la testa piena e non sapersi + muovere perché bersagliato dagli schemi. Bisogna trovare il giusto equilibrio tra entrambi i fattori.

- A ruota libera:

12. Il basket è uno sport in crescita?
Sicuramente in Europa un po’ meno da noi. L’America è per noi un altro pianeta.

13. Dove ritieni bisogna progredire?
Da noi sicuramente sulla formazione di base. Gli allenatori dovrebbero essere + attenti ad insegnare i fondamentali a livello giovanile ed inoltre le nostre strutture sono da terzo mondo cestistico. Dobbiamo essere + umili e lavorare meglio!

14. Hai un collega allenatore che stimi particolarmente? Se sì, perchè?
Mario De Sisti. Quello che ci ha insegnato quando è stato in Svizzera è per me stato vangelo ed ho percepito cosa significa essere un allenatore di basket facendomi capire quanto lavoro devo fare ancora per considerarmi tale.

15. Quale squadra ti piacerebbe allenare? (è permesso sognare!)
Premesso che sono contento per tutte le esperienze che ho fatto e che i ricordi di Massagno e Bellinzona mi resteranno per sempre nella vita…..se devo proprio sognare dico Varese naturalmente! Con i miei amici-tifosi canturini e milanesi che pagano il biglietto per vedere la partita….Sto proprio sognando….!!!!!